Casa 

Arredare casa con oggetti antichi: i principali pezzi d’antiquariato

Non per essere troppo riduttivi, ma generalmente nel campo dell’antiquariato si annoverano oggetti come vasi, sculture, quadri o mobili. E sono questi quelli principalmente destinati all’arredamento o all’abbellimento di case di lusso o signorili. Ognuno di questi ha certe caratteristiche basilari che andremo ad esaminare.

Sculture d’antiquariato

A differenza di quello che molti potrebbero pensare, le sculture non sono solo in pietra ma possono essere anche di metallo o legno o altri materiali. Dopo tutto la scultura è l’arte di creare immagini lavorando su un certo materiale. Se vogliamo però parlare di antiquariato e la sua valutazione, di sicuro una scultura in plastica o polistirolo non potrebbe essere considerata antichità almeno al giorno d’oggi. Oggigiorno trovare casualmente una scultura in pietra rientrerebbe nel campo della quasi impossibilità, considerato la mole di scavi alla ricerca di tali pezzi che si svolgono nelle principali aree storiche. Basti pensare al Lazio o a Pompei, però magari acquistare o venire in possesso di una scultura in metallo potrebbe essere più facile.

Vasi e maioliche d’epoca

Chi non ha mai desiderato dire orgogliosamente ad un ospite “è un vaso Ming” mostrandogli un vaso? Immortalati nella cultura popolare da svariate fonti, sono sicuramente uno dei generi di vasi la cui valutazione come antiquariato è d’obbligo. Questi in porcellana o ceramica sono le stelle nel campo dei vasi assieme allo stile Qing.

Le maioliche invece, risalgono comunemente al medioevo da un’influenza araba che allora dominava Maiorca e da qui il nome. Queste erano l’effetto di nuovi procedimenti applicati appunto dai musulmani sulle ceramiche. In poco tempo queste ebbero un gran successo in Italia e proprio qui iniziarono ad imitarne lo stile.

I quadri e l’antiquariato

Possedere un quadro famoso o antico è il sogno di molti e oggi grazie alle aste questo è possibile, ma come si fa a eseguire una valutazione accurata di un dipinto antico quando non si è dei periti esperti di antiquariato ma solamente dei cultori o appasionati? Di sicuro un quadro di Michelangelo è sicuramente di valore a livello internazionale, ma che dire di un quadro di un pittore molto conosciuto nel suo paese ma praticamente sconosciuto all’estero? Il valore qui entra nel campo geografico, nel senso un quadro di un autore italiano non famosissimo ha un certo valore in Italia, mentre in America potrebbe, molto probabilmente, averne uno inferiore.

I mobili e l’ antiquariato

Sistemare un mobile d’antiquariato, ovviamente soggetto ad una valutazione precisa, comporta certe azioni che servono a dare un lustro ulteriore a questo mobile. Forse non lo si sa ma un mobile antico (e non solo i mobili) è soggetto ad una fase che si chiama restaurazione e questa è soggetta anche ad altre fasi. La prima è riconoscere a quale stile esso appartenga (vittoriano, rococò o altro) seguono la sverniciatura l’applicazione dell’antitarlo, azioni di falegnameria, pulizia, carteggiatura, coloritura, lucidatura e patinatura. Cosi il mobile antico sarà pronto alla vendita.

 

 

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Related posts

Leave a Comment