ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Economia USA post-elettorale, con Biden cambiamento forte ma graduale

Dopo un lunghissimo spoglio, alla fine Biden ha potuto ricevere la investitura aritmetica da nuovo presidente degli States. Tra qualche settimana l’ex vice di Obama, diventerà l’inquilino ufficiale della Casa Bianca, prendendo il posto di Trump. Sarà lui al timone della politica e dell’economia USA per i prossimi 4 anni.

Biden e l’economia USA

economia usa presidenzialiSia come stile che come visione politica e con riguardo all’economia USA, Biden sarà senza dubbio un personaggio meno estremo e molto più cauto nelle sue uscite. Non c’è infatti dubbio che Trump, nel corso dei suoi 4 anni da Presidente, si sia spesso mosso come un elefante in una cristalleria tra gli equilibri economici e politici, finendo per sconquassarli.

I mercati fanno festa

Anche se Biden rappresenta un forte cambiamento, non avrà numeri tali da creare una frattura secca rispetto al recente passato. Senza dubbio però, il nuovo Presidente imprimerà una certa virata alla politica economica, alle relazioni internazionali, incidendo in ultima analisi sulla performance dei mercati finanziari.

Questi ultimi, nel frattempo, si sono mossi secondo la logica tipica delle strategie di trading a breve termine: ovvero “sell the rumour, buy the fact”. Hanno cioè scontato l’incertezza prima del voto con una ondata di vendite, per poi darsi all’euforia quando sembrava ormai chiara la vittoria di Biden (l’indice S&P500 ha guadagnato il 7.3% nella settimana delle elezioni). A Wall Street infatti c’è una legge non scritta: meno incertezza uguale più guadagni per il business.

Numeri che ingessano il cambiamento

Va detto però che lo scenario di politica economica americana non sarà certo in discesa. Biden infatti si trova di fronte a un Congresso diviso, per cui l’operatività della sua amministrazione sarà un bel po’ limitata.
A cominciare dal piano di stimoli all’economia USA, tanto atteso dai mercati (e richiesto anche dalla FED).

Ma sarà anche difficile realizzare quella svolta “green” (investimenti ecosostenibili) che Biden ha sventolato in campagna elettorale.
Più complicato anche procedere all’aumento delle tasse alle imprese, e fare una svolta a U sulla sanità ripercorrendo la direzione dell’Obamacare.
Va detto che gli ostacoli che si troverà di fronte Biden, fanno felici i mercati finanziari e i market maker. O almeno una buona parte. Uno scenario “gridlock”, più ingessato, significa infatti cambiamenti meno traumatici rispetto alla strategia economica in corso d’opera. Per Biden quindi, i prossimi 4 anni non saranno una passeggiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *