ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Azioni Tesla, dietro il rally shock c’è chi vede il rischio di bolla speculativa

Le ultime settimane sono state dominate dalle notizie sulla diffusione del Coronavirus cinese e dalle inevitabili ripercussioni sul mondo economico globale. Ma i mercati finanziari si sono concentrati anche su un altro fattore di grande interesse: il rally delle azioni Tesla.

Azioni Telsa: bolla o realtà?

azioni tesla bitcoinIl valore delle azioni Tesla negli ultimi 12 mesi è cresciuto del 149%. L’avveneristica casa automobilistica di Elon Musk ha per la prima volta ha raggiunto i 100 miliardi di dollari di capitalizzazione, e ha continuato la corsa fino a 170 miliardi. Un valore che è quasi uguale a quello di General Motors, Ford e Volkswagen messe assieme. Eppure Tesla vende molte meno macchine. Ad esempio, nel 2019 le sue vendite sono state appena un trentesimo rispetto a Volkswagen. Proprio per questo motivo c’è più di un analista che storce il naso, e avverte il pericolo di bolla speculativa.

Bloomberg mette in guardia

Addirittura Bloomberg si è spinto anche oltre, accostando la corsa sfrenata delle azioni Tesla a quella di un altro asset molto controverso, ovvero Bitcoin. A conferma di questa idea, vengono riportati dei dati interessanti, che addirittura farebbero ritenere che la bolla Telsa sarebbe anche maggiore rispetto a quella creatasi sul Bitcoin a fine 2017, che mandò in tilt molti siti di trading online, dove si puntava ancora sul rialzo. E come andò a finire molti se lo ricordano: la cryptovaluta crollò da 20mila dollari fino a 6mila in poche settimane.




L’analisi del RSI

Il fattore cruciale dell’analisi è l’indicatore RSI (relative strength index). Questo strumento finanziario tecnico in sostanza valuta l’entità e la persistenza dei movimenti dei prezzi, ovvero quanto è forte la spinta dei compratori. Ebbene, le azioni Tesla raggiungono un valore di 92, quando normalmente l’oscillazione si ha tra 30 e 70. Quando si va oltre questa soglia, chi opera sui mercati sa che c’è il rischio che il titolo sia troppo sovraprezzato, e che prima o poi imbocchi la via del declino improvviso. Basta un barcollio per far scattare la corsa al profitto, che innescherebbe una corsa a vendere. Successe così anche per Bitcoin, che poco prima del crollo del dicembre 2017 aveva un RSI a quota 91. Meno quindi di quello attuale di Tesla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *