ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Come fare pubblicità su facebook?

Annunci che vengono eseguiti esclusivamente tramite la piattaforma pubblicitaria di Facebook, possono apparire nel feed di Facebook, Messenger e persino su app e siti Web non di Facebook. Sono disponibili in una varietà di formati (immagine singola, video, presentazioni e altro) e possono essere indirizzati a un pubblico estremamente specifico. Di seguito scopriamo come fare pubblicità su facebook con una guida dettagliata.

Creare un’inserzione su Facebook è molto diverso dalla pubblicazione sulla tua pagina personale. Tutto ciò che riguarda gli annunci di Facebook, dalla formulazione che usi al momento in cui li inserisci, gioca un ruolo nella quantità di traffico che indirizzano al tuo sito.
Cosa sono gli annunci di Facebook?

Gli annunci di Facebook sono messaggi a pagamento che le aziende pubblicano su Facebook. Questo ti dà la flessibilità di scrivere con la tua voce. Inoltre, puoi raggiungere le persone che contano di più per te, come spiegato nella guida per principianti del social network.

La componente essenziale di questa definizione è la parola “pagato”. Chiunque può pubblicare sulla propria pagina Facebook gratuitamente, ma non si sa mai chi vedrà il tuo post.

Un annuncio a pagamento ti consente di scegliere come target un particolare gruppo demografico e puoi essere specifico o ampio quanto desideri.

Le campagne pubblicitarie di Facebook sono disponibili in una varietà di formati. Puoi anche specificare quanto vuoi spendere, tra cui:

  • L’importo complessivo
  • Il tuo budget giornaliero
  • Il tuo costo per risultato

Puoi anche determinare per quali azioni dell’utente vuoi pagare. Ciò non significa che Facebook ti addebiterà solo quando il tuo annuncio funziona nel modo desiderato, ma puoi scegliere come fatturarti, ad esempio essere addebitato in base al numero di visualizzazioni o clic. Hai diverse opzioni a seconda degli obiettivi che imposti per il tuo annuncio.

Perché gli annunci di Facebook sono importanti?

Quasi il 96% dei social media marketer ritiene che di tutte le piattaforme disponibili, Facebook offra il miglior ritorno sull’investimento (ROI). E c’è una buona ragione per questo:

  • “Facebook” è il termine di ricerca più popolare in tutto il mondo
  • La piattaforma ha 2,4 miliardi di utenti e più di 7 milioni di inserzionisti
  • Le persone lo usano per una media di 35 minuti al giorno
  • Il 68% degli adulti negli Stati Uniti ha un account attivo

Con una portata del genere, penseresti che il marketing su Facebook sarebbe costoso, ma non lo è. Facebook non solo ti consente di specificare una spesa massima, ma ti addebita anche meno per raggiungere lo stesso numero di persone che raggiungeresti su un’altra piattaforma.
personalizzazione

Uno degli elementi più interessanti della pubblicità su Facebook è il suo potenziale di personalizzazione. Poiché la piattaforma ha così tante informazioni su ciascun utente, puoi indirizzare i tuoi annunci in base a quasi tutte le caratteristiche demografiche che puoi immaginare, come ad esempio:

  • Genere
  • Età
  • Stato civile
  • Settore professionale
  • Interessi
  • Posizione

Inoltre, la personalizzazione del pubblico che vede un determinato post può ridurre i costi di acquisizione dei clienti.

Best practice per gli annunci di Facebook

Per ottenere il massimo dai tuoi annunci di Facebook, devi sapere cosa piace vedere alla piattaforma in termini di comportamento degli utenti. Ciò può aiutarti a posizionarti in alto e a mostrare il tuo annuncio a più persone.

1. Conoscere l’algoritmo.

Facebook non è famoso quanto Google per aver alterato il suo algoritmo, ma ha ancora gli esperti di marketing che chiedono a gran voce informazioni ogni volta che apporta modifiche. Uno dei cambiamenti più significativi è avvenuto all’inizio del 2018 quando Facebook ha rilasciato quello che è diventato noto come il suo aggiornamento “Interazioni significative”.

La piattaforma ha progettato questo aggiornamento per ridurre l’enfasi sui marchi e dare la priorità ai post degli amici e delle famiglie dei suoi utenti. All’improvviso, la visualizzazione degli annunci su Facebook è diventata molto più competitiva. Le aziende hanno imparato rapidamente che dovevano concentrarsi sul coinvolgimento degli utenti per attirare l’attenzione.

Facebook mira ancora a mostrare agli utenti “storie che contano”. Quando si decide se visualizzare un post, esamina queste 4 cose:

Inventario: tutti i possibili contenuti che potrebbero apparire nel feed di un utente.
Segnali: tutte le informazioni su un determinato post. Questi includono segnali passivi come l’ora in cui è stato pubblicato e segnali attivi come il numero di Mi piace, condivisioni e commenti del post.
Previsioni: la probabilità che un utente interagisca positivamente con un post.
Punteggio: una rappresentazione numerica aggregata dalle precedenti 3 categorie che mostra la possibilità di un’interazione positiva.

I segnali attivi e passivi sono le uniche metriche che puoi controllare come marchio. Ciò significa che uno dei tuoi obiettivi principali nella creazione di annunci di Facebook dovrebbe essere quello di ispirare il coinvolgimento con i tuoi contenuti per aumentare il numero di Mi piace e condivisioni che ottieni.

2. Conosci e parla al tuo pubblico.

Puoi coinvolgere un pubblico solo se conosci le sue esigenze e i suoi punti deboli. Guarda tutte le possibili opzioni di personalizzazione che hai su Facebook e rispondi a quante più domande possibili per il tuo pubblico di destinazione:

  • Acquistano articoli di fascia alta o economici?
  • Tendono a ricercare in profondità i prodotti prima di acquistarli?
  • Quanti anni hanno?
  • Hanno coniugi e/o figli? Quali sono i loro interessi? Cosa apprezzano? Sono attenti alla salute?
  • Interessato alla vita sostenibile?

Sii specifico con le tue domande. I dati demografici di Facebook consentono di mirare in base a particolari combinazioni di qualità.

Se offri un servizio per viaggiatori con budget limitato, ad esempio, puoi mostrare il tuo annuncio a persone che hanno utilizzato strumenti di ricerca di voli nell’ultimo mese o seguire siti web di ostelli della gioventù in diversi paesi. Nel frattempo, un marchio che offre servizi di tutoraggio può rivolgersi a persone con bambini che hanno acquistato materiale didattico di recente e hanno messo “mi piace” sul loro distretto scolastico locale su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *