ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Mercato del petrolio italiano: piccolo ma di grande importanza strategica

Il mercato del petrolio italiano non ha certo la grandezza e l’importanza per competere con i big del settore internazionale (russi, sauditi o americani che siano). Tuttavia nel suo piccolo ha un ruolo strategico nel tessuto economico italiano.

L’importanza del mercato del petrolio italiano

mercato del petrolioIl nostro petrolio infatti contribuisce a garantirci una seppur minima autonomia energetica. L’attività estrattiva nel nostro Paese risale addirittura alla seconda metà dell’800. Tuttavia, il vero e proprio boom si è consumato soltanto negli ultimi decenni. Quando cioè è stata scoperta l’esistenza di giacimenti di un certo rilievo al largo delle proprie coste. Sotto questo aspetto, le condizioni più interessanti si trovano in alcune regioni del Sud Italia.

Produzione e occupazione

I dati più recenti indicano che nel sottosuolo della penisola ci sarebbero circa 840 milioni di barili di greggio. Il controvalore di questa consistenza ammonta a decine di miliardi di euro. Già questa cifra fa capire che nel suo “piccolo”, il mercato del petrolio italiano ha una grossa rilevanza. Ancora di più se consideriamo che a livello occupazionale impiega circa 34 mila unità-anno (tra diretti e indiretti).

I giacimenti e la geografica territoriale

Geograficamente parlando, le regioni più interessanti per il mercato del petrolio italiano sono Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte al Nord, poi Basilicata, Molise, Lazio, Sicilia nel centro e Sud. E’ in questi territori che si concentrano le presenze di greggio più significative. Anche se le migliori piattaforme italiane fanno capo a ENI ed Edison, operano anche società petrolifere di piccola taglia.

Giova ribadire che siamo a cifre lontanissime da quelle dei big del settore. Nella classifica dei maggiori produttori di petrolio, gli Stati Uniti sono in vetta con 19,5 milioni di barili al giorno. L’Arabia Saudita e la Russia ne producono oltre 11. Canada, Cina e Iraq sono attorno ai 5 milioni di barili al giorno. Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) 4,01 milioni. L’Italia si aggira intorno agli 80.000 barili al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *