ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Punti critici nella pulizia e disinfezione delle case di cura

Stabilire un corretto protocollo di  pulizia e disinfezione nelle case di cura è fondamentale per garantire la sicurezza sia dei dipendenti che dei residenti anziani, un gruppo particolarmente vulnerabile che è quello che sta subendo le conseguenze del COVID-19.

Nell’attuale contesto pandemico, i processi di pulizia e disinfezione dovrebbero essere ulteriormente rafforzati se possibile, poiché è stato osservato che la persistenza di Sars-Cov-2 sulle superfici può essere molto variabile e può durare diversi giorni.

In questo senso, il primo passo per garantire una corretta pulizia e disinfezione è aumentare la frequenza sulle diverse aree o superfici che troviamo nella casa di riposo, soprattutto quelle che sono a contatto con un maggior numero di persone, sia dipendenti che residenti. Questo aumento di frequenza sarà maggiore nelle aree abilitate alla quarantena o all’isolamento dei casi positivi.

 

Pulizia, un passaggio prima della disinfezione

La pulizia è intesa come  il processo di rimozione dei resti fisici dalle superfici, come grasso, cibo, polvere, ecc. attraverso l’azione fisica, in combinazione con acqua, detergenti o prodotti enzimatici. È il passo precedente per una corretta disinfezione, poiché consente di agire adeguatamente sui disinfettanti e di far raggiungere loro tutte le superfici in modo corretto. Una buona impresa di pulizie utilizza detergenti disinfettanti che consentono la pulizia e la disinfezione in un’unica fase.

 

Tipi di disinfettanti

Esistono prove scientifiche che i virus incapsulati sono facilmente inattivati ​​dall’azione di diversi tipi di disinfettanti (alcool, ammoniaca quaternaria, ipoclorito di sodio, perossido di idrogeno, ecc.) e con azioni di sanificazione ambientale come il vapore ad alta temperatura o l’ozono.

Tuttavia, per garantire che i disinfettanti in commercio soddisfino i requisiti minimi che garantiscono la loro efficacia contro diversi microrganismi, devono essere registrati nel Registro dei pesticidi o biocidi non agricoli del Ministero della Salute, dove a loro volta, lo scopo o gli usi autorizzati per ogni disinfettante. Nel caso di disinfettanti con efficace azione virucida contro virus incapsulati come SARS-CoV-2, questi disinfettanti devono essere conformi allo standard UNE-EN 14476.

In questo senso, all’inizio della pandemia, il Ministero della Salute ha stilato un elenco, che comprende tutti i disinfettanti ad azione virucida autorizzati in Italia. In questo elenco, i disinfettanti sono classificati in base al campo di utilizzo a cui sono destinati. Quindi troviamo diversi TP (Product Type).

– TP2 (prodotti per la disinfezione delle superfici e dell’aria, per uso ambientale)

– TP4 (prodotti di disinfezione per l’utilizzo nel settore alimentare)

– TP1 (Igiene umana).

 

Ambito di applicazione nelle residenze

In generale, le aree e le superfici dove è necessario intensificare la pulizia e la disinfezione sono quelle a maggiore esposizione alle persone, che a loro volta sono quelle a maggior rischio di contatto con le mani.

Ad esempio, i più comuni punti cristici per ciascuno spazio sarebbero questi:

Camere da letto: Comodini, letti, zeppe, mobili, maniglie, telefoni, telecomandi.

Servizi igienici: Superfici del bagno, wc, lavabo, rubinetto.

Zone comuni: Pomoli per porte, tavoli, poltrone, divani, telefoni, telecomandi, interruttori, materiale a disposizione degli utenti.

Sala da pranzo collettiva / Cucine: Stoviglie, posate, bicchieri, vassoi, brocche, ecc. Questi utensili devono essere lavati in lavastoviglie ad una temperatura minima di 60ºC. L’enfasi dovrebbe essere posta sui tavoli e sulle sedie e, in particolare, nell’area dello schienale e in altre aree in cui vengono tenute le sedie. In cucina, tutte le superfici, gli utensili e le attrezzature, comprese quelle che non sono a contatto con gli alimenti, nonché pavimenti, magazzini, uffici, tavoli da lavoro.

Stabilimento in generale: Porte di accesso, interruttori e campanelli, pomelli delle porte, finestre, armadi, pulsanti per ascensori interni e carrelli elevatori, ringhiere e corrimano, banconi, tavoli, sedie, apparecchiature informatiche (in particolare tastiere e mouse ), telefoni, forniture per ufficio, classificatori, fotocopiatrici, telecomandi, materiale ortopedico (sedie a rotelle, deambulatori, stampelle, taca tacas…), distributori automatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *