ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Rasinari città medievale della Transilvania

Parti alla scoperta di Rășinari tra i tour emozionanti, la vista sulle montagne e i percorsi per lo sci, annoiarsi sarà impossibile.

Parti alla scoperta di Rășinari, zona famosa per attrazioni come Dumbrava Sibiului Natural Park e Telescaunul Paltinis.

è il villaggio di residenza del comune con lo stesso nome nella contea di Sibiu , Transilvania , Romania . Si trova a 8 km di distanza. rispetto alla città di Sibiu .

Nel 1738 gli anziani del villaggio furono ascoltati nel processo con la città libera reale di Sibiu , un’occasione in cui si notò che i fondatori dell’insediamento erano ” Mustață e Coman Roșca”, che “vivevano nel luogo dove oggi si trova la Fontana Rosca. [sic], nel mezzo dello stato “. [2] I nomi dei due leggendari fondatori si riferiscono alla presenza dei Pecheneg in questa zona, una presenza attestata ai giorni nostri nel nome della collina Beşineului (collina Pechenea , collina Cumanului), situata sopra il comune Rășinari, e il nome della località può essere derivato da rotazione dal nome medievale dei Pechenegs (Besii, Bisseni).

La natura audace dei resiniani non fu negata nel 1848 , quando i capi della legione della prefettura di Sibiu , di fronte al prefetto, erano quasi tutti i bambini del villaggio. Il loro squadrone di cavalleria fornì il sacrificio di sangue, raggiungendo la battaglia di Tiro .




Va detto che nella seconda metà del XVIII secolo il Rșșinari era la sede del vescovo ortodosso di recente costituzione della Transilvania . Il modesto cottage contadino, la residenza dei vescovi serbi Ghedeon Nichitici e Gherasim Adamovici , è ancora conservato.

Oggi il villaggio che conserva parzialmente le vecchie preoccupazioni pastorali è fortemente inquadrato nel nuovo ritmo della vita. Degli oltre 5000 abitanti, molti lavorano nelle nuove compagnie commerciali nel villaggio e a Sibiu , Rășinariul essendo collegato alla città, dal 1947 , da una linea tranviaria elettrica.

demografico

Al censimento del 1930 , furono registrati 5.281 abitanti, di cui 5.229 rumeni, 32 zingari, 13 tedeschi, 4 ungheresi e così via. [3] Sotto l’aspetto confessionale, la popolazione era composta da 4.798 ortodossi, 454 greco-cattolici, 11 cattolici romani, 7 luterani, 7 battisti, 4 riformati e così via. [4]



Monumenti

The Old Church, con la dedica di Cuvioasa Paraschiva

La chiesa fu costruita in pietra e mattoni tra il 1725 e il 1758 a spese del vescovo greco-cattolicoPeter Pavel Aron di Blaj . L’edificio è stato costruito in stile barocco , come fonte di ispirazione al servizio della Chiesa dei Gesuiti a Sibiu . La chiesa ha una pianta rettangolare con un campanile a ovest e presenta le monumentali forme barocche in plastica semplificata, nonché bellissimi murales all’interno ( 1752 ) e sulle facciate ( 1785 ), firmati da Ion Grigorovici. La chiesa si trova nel vecchio centro del comune, nel luogo chiamato “La Scaun”, dove un tempo si trovavano la corte e il cimitero del villaggio.

Sul sito dell’attuale chiesa in pietra c’era una chiesa in legno più antica , datata 1688 , e venduta nel 18 ° secolo alla parrocchia di Satu Nou, Brasov .

Con i disordini confessionali derivanti dall’intervento dei metropoliti serbi di Carloviț , nella sesta decade del XVII secolo, il vescovo serbo Dionisie Novacovici , seguito da Sofronie Chirilovici , Ghedeon Nichitici e Gherasim Adamov, si stabilirono a Rășinari. La presenza serba a Rășinari mirava ad occupare la chiesa costruita dal vescovo unito di Blaj, un obiettivo che fu raggiunto nel 1765 dall’espulsione dei sacerdoti rumeni.

La vecchia chiesa

Entrando nella chiesa, sopra la porta, sul muro si nota la scritta Dela che costruisce la chiesa degli anni del Signore il 29 maggio 1725 , e un po ‘più in basso, scavata nella trave di legno sopra la porta gli anni del Signore il 17 maggio 1755 . Nella chiesa fu sepolto nel 1788 il vescovo Ghedeon Nichitici, la cui tomba si trova di fronte all’altare, coperta da un lampadario rosso.




I ritratti dei pittori di Aleman e Bucur, i nipoti del popolo dell’Uomo, che hanno contribuito alla sua pittura, sono dipinti nella parte anteriore della chiesa. Questi facevano parte della scuola di pittura della chiesa del XVIII secolo, di cui Ioan e Gheorghe Zugrav, il severo Radu Man e i suoi figli, Stan e Iacob, che dipinsero la Cattedrale della Santissima Trinità a Blaj e la chiesa del monastero Curtea de Argeș .

All’esterno tra la torre e il tetto della chiesa, vi è una scultura in pietra: “I vecchi anni della chiesa di Cristo 420 e il nuovo 1755, sono collegati “. Sulla torre della chiesa, c’è anche una scultura in pietra: “La vecchia chiesa di Cristo di 420 anni e la nuova 1758, collegata alla chiesa “. I due “leaturi” possono essere spiegati dal fatto che 420 anni fa fu costruita un’altra chiesa – quella di legno – che rimase all’interno dell’attuale chiesa, come disse un muratore di Sibiu: ” che demolendo la chiesa di Il 5 giugno 1753, gli operai trovarono nella vecchia chiesa un libro sacro, che apparteneva alla vergine Savu, con il nome di Aleman . “ Anche un prete rumeno di Rășinari avrebbe tradotto il catechismo stampato nel 1544 a Sibiu , essendo questo il primo libro stampato in rumeno.

L’esistenza di una chiesa più antica di Rășinari è credibile a causa delle testimonianze contenute nei documenti del tempo di alcuni sacerdoti del XV secolo: il papa Jacob, il papa Vasile Tomuța, il papa Joseph Pătruț, il papa Sain, il papa Maniu, il papa Bratu. L’ultimo di loro, il papa Bratu, è stato assegnato missioni speciali dai sovrani del Paese rumeno nelle relazioni politiche e commerciali che hanno avuto con la città di Sibiu.

La torre della chiesa ospita tre campane e un orologio, secondo il modello della chiesa gesuita nella Grande Piazza di Sibiu. La chiesa fu interamente dipinta all’interno come un affresco di ” Grigorie zugrav, Iacobici e Ioan Zugrav “, figli del sacerdote unito Radu di Rășinari. All’esterno la chiesa era parzialmente dipinta. Se al di fuori del dipinto è tenuto molto bene, all’interno della polvere e del fumo ha danneggiato in modo significativo il dipinto. Nel 1932, il professor V. Chidu del Liceo Gheorghe Lazar di Sibiu ristrutturò il dipinto con un nucleo di pane, ma in assenza di moderne tecniche di restauro si è nuovamente deteriorato.

Chiesa di Sant’Elia

La comunità greco-cattolica costruì una nuova chiesa, anch’essa in pietra, ma di dimensioni inferiori, una chiesa consacrata nel 1838 . Nel 1948 le autorità comuniste approvarono l’uso della comunità ortodossa.

Chiesa in collina

Chiesa della collina “Sf.Treime”

La chiesa con la dedica “Santa Trinità” si trova anche in documenti come “Chiesa sul campo”, “Chiesa a Copacas”, “Grande chiesa” o “Nuova chiesa”. Fu costruito tra il 1800 e il 1814 , dalla sostanziale donazione in denaro del principale fondatore Ioan Bungărzan di Rășinari, dalle donazioni dei credenti ma anche dall’aiuto ottenuto dal comune. Inoltre, furono ricevuti aiuti da oltre le montagne, da donatori, guidati da Grigorie Brâncoveanu, il bisnonno del principe Constantin Brâncoveanu .

La chiesa fu consacrata il 12 settembre 1815 dal vescovo Vasile Moga, assistito da uno stregone di protopopos , sacerdoti e diaconi , in numero di 14 persone.

I fatti relativi alla costruzione e alla santificazione della chiesa sono riportati nei registri del sacerdote Vasile Papp di Stas a Rășinari. Nel libro ” Non Unitum Resinariensem De Stiaze “, preparato da Vasile Papp, trovato nel 1951 nel globo della croce sul campanile della chiesa, scrive:

“” … nel 1801 … ripetevano lo slobod e il vivace villaggio Risentimento misericordioso libero di sollevare la Santa Chiesa, che sorgeva, quella delle Coppe chiamata Festa del Santo e dei Trojan non parlati, che con l’aiuto del buon Dio attraverso molti e le spese del pubblico non furono divise … furono posate la prima pietra … e fu funzionato fino al 1807, poi rimasero con i lavori sul posto … “”
—Vasile Papp
Risultato immagini per rasinari centru veche"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *