ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Recovery plan SOSAzienda

SOSAzienda Lo aiuta.Gli ultimi mesi hanno cambiato il concetto di “fare impresa” per sempre.
Nonostante gli sforzi intrapresi dal Governo per mettere a disposizione risorse per le imprese, molte non supereranno questo momento. Tutto porta a pensare che nei prossimi mesi i Tribunali Italiani verranno letteralmente sommersi da decreti ingiuntivi ed istanze di fallimento, situazione che si tradurrà in un “tutti contro tutti” a scapito delle figure imprenditoriali più deboli, come le micro e piccole imprese che già da anni lottano per sopravvivere.
Queste imprese non hanno alcun potere contrattuale, non hanno tavoli di crisi e di rappresentanza sindacale o una lobby che abbia interesse ad aiutarle, anzi, a parere di molti, prima spariscono meglio è. Questa situazione di mercato sta creando l’impossibilità tangibile a rispettare le scadenze e ,quindi, molte di esse verranno segnalate nelle Centrali Rischi oppure verranno dichiarate fallite. Queste segnalazioni, in gergo definite “la morte fiscale dell’impresa”, in capo ai Soci o agli Amministratori comportano l’esclusione da ogni supporto bancario e creditizio per i prossimi 5 o 10 anni. A dimostrazione che questo meccanismo è ben noto e conosciuto, l’attuale decreto “Cura Italia” evidenzia come le Banche non debbano entrare nel merito del Rating aziendale.
SOSAzienda in questa fase ha un compito: Aiutare l’imprenditore e metterlo in condizione di ripartire
Premesso che la legge in materia societaria prevede che l’amministratore, accortosi della riduzione del capitale sociale al di sotto del minimo legale, deve immediatamente e senza indugio porre la società in liquidazione, SOSAzienda offre il proprio servizio di consulenza ponendosi tra l’Imprenditore e gli obblighi previsti dalla legge: ritira le quote societarie, pone la società in liquidazione e si auto-nomina liquidatore, seguendo la procedura di liquidazione ed esonerando l’Imprenditore stesso da questo compito.
Così agendo SOSAzienda, riduce esponenzialmente la possibilità che l’Imprenditore venga segnalato in CR e /o fallisca, permettendogli di mantenere le necessarie qualifiche per costituire una nuova Società, dove potrà portare con sé il Know-How acquisito, ed affrontare la ripartenza.
Media Comunikiamo
Sandra Manzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *