ARTICLE MARKETING ITALIANO

INSERISCI ARTICOLO GRATIS

Sette possibili modi per evitare la caduta dei capelli

Due terzi degli uomini sono affetti da calvizie maschile, con il 40% che sperimenta una notevole perdita di capelli all’età di 35 anni, ma ci sono alcune cose che puoi fare per cercare di tenerla a bada.

Considera i farmaci da prescrizione

Esistono due farmaci clinicamente approvati per prevenire l’ulteriore perdita di capelli: finasteride e minoxidil. La finasteride agisce inibendo l’ormone diidrotestosterone (DHT), che provoca il restringimento e la caduta dei follicoli piliferi, mentre il minoxidil aumenta il flusso sanguigno e l’assorbimento dei nutrienti ai follicoli. Entrambi i trattamenti possono provocare anche la ricrescita dei capelli, ma includono il rischio di effetti collaterali. È stato scoperto che la finasteride porta a disfunzione erettile e diminuzione della libido in circa 1 uomo su 31, mentre il minoxidil può provocare irritazioni cutanee e reazioni allergiche.

Usa un pettine laser

A parte finasteride e minoxidil, i pettini laser sono l’unico trattamento contro la caduta dei capelli ad aver ricevuto l’approvazione della FDA. (Nel Regno Unito, i farmaci ei pettini devono essere pagati privatamente in quanto non sono disponibili sul NHS.) Uno studio del 2014 su 103 uomini con perdita di capelli con pattern ha rilevato un aumento significativo della densità dei capelli dopo 26 settimane di applicazione del laser. pettinare il cuoio capelluto tre volte a settimana. Il modo esatto in cui funzionano i pettini non è completamente compreso, ma è stato suggerito che i laser a bassa potenza hanno un effetto antiossidante sui follicoli piliferi.

Cambia i tuoi prodotti per capelli

Ci sono alcune prove che molti gel e altri prodotti per lo styling possono contribuire alla caduta dei capelli, poiché le sostanze chimiche contenute in questi prodotti rimangono sul cuoio capelluto e rimangono intrappolate nei follicoli, impedendo ai capelli di venire in superficie. Evita l’uso eccessivo di gel per capelli e prova prodotti per lo styling più naturali, che contengono meno sostanze chimiche.

Evita le docce calde

Docce eccessivamente calde possono danneggiare il cuoio capelluto privandolo degli oli essenziali che aiutano a proteggerlo, provocando secchezza e infiammazione. Non ci sono prove dirette che le docce calde portino alla caduta dei capelli, ma alcuni credono che l’infiammazione del cuoio capelluto possa provocare la miniaturizzazione dei follicoli piliferi e il diradamento dei capelli.

Passa agli shampoo anti-DHT

Il DHT è il principale responsabile della caduta dei capelli e alcuni shampoo possono aiutare a combatterlo. Cerca prodotti contenenti 1-2% di ketoconazolo, un farmaco che blocca la conversione del testosterone in DHT, proprio come fa la finasteride. Tuttavia, poiché l’applicazione del ketoconazolo è limitata al cuoio capelluto, non ha lo stesso rischio di effetti collaterali.

Prova il massaggio al cuoio capelluto

Alcuni studi hanno suggerito che il massaggio del cuoio capelluto ha il potenziale per aumentare la densità dei capelli migliorando la circolazione sanguigna al cuoio capelluto e ai follicoli piliferi, oltre ad aumentare l’attività dei geni noti per promuovere la crescita dei capelli. Un ulteriore vantaggio è che il massaggio aiuta ad abbassare i livelli di stress, un altro fattore legato alla caduta dei capelli. Utilizza per il tuo massaggio una lozione per capelli come Foltina Plus.

Fai un trapianto

Se hai già una perdita di capelli significativa, un trapianto potrebbe essere la soluzione migliore. Prima della caduta dei capelli, abbiamo circa 100.000 capelli; ne occorrono almeno 25.000 per dare l’aspetto di una chioma relativamente completa. Il processo di trapianto prevede il prelievo dei follicoli piliferi dalle regioni “donatrici” resistenti al DHT nella parte posteriore e sui lati della testa e il loro innesto sul cuoio capelluto. Esistono molte diverse tecniche di trapianto di capelli, ma alcuni dei metodi più recenti utilizzano le cellule staminali dei capelli per stimolare la ricrescita nell’area donatrice, consentendo trapianti ripetuti se necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *